Come aggiustare l’oblò della lavatrice quando è bloccato

L’oblò della lavatrice, in certe situazioni, può rimanere bloccato ed è necessario capire perché.

Di solito il blocco avviene per questioni di sicurezza, quando, ad esempio, dentro la vasca rimane dell’acqua non opportunamente scaricata: in questo caso, ovviamente, il problema non è da ricercarsi nell’oblò (che rimanendo chiuso fa solo il suo dovere), bensì nella lavatrice, che non scarica l’acqua come dovrebbe. Una volta rimossa l’acqua, infatti, il blocco si disattiva in automatico ed è possibile aprire l’oblò.

La maggior parte delle lavatrici dispone di una scheda elettronica, in grado di inviare segnali di allarme (attraverso il display o il led incorporato) quando l’elettrodomestico non scarica l’acqua.

Il problema dipende spesso dalla conduttura di scarico che risulta ostruita, ma la sua risoluzione non è particolarmente complicata. Esistono tuttavia anche altre cause che giustificano il blocco dell’oblò: le elenchiamo qui di seguito e spieghiamo come porvi rimedio.

La maniglia dell’oblò si è rotta

Se la lavatrice ha terminato normalmente un lavaggio e nessuna spia segnala il blocco dell’oblò, il fatto che quest’ultimo non si apra può dipendere dalla maniglia, che a quanto pare si è rotta.

È necessario dunque sbloccare in qualche modo l’oblò e sostituirla: esistono modelli di lavatrici che dispongono di una leva per sbloccare l’oblò manualmente, altri che non ce l’hanno e per procedere è obbligatorio smontare la lavatrice per agire internamente.

Per sapere se il vostro modello di lavatrice possiede la leva in questione, innanzitutto leggete il manuale di istruzioni in dotazione con l’elettrodomestico: quando è presente, tale leva è posizionata sotto lo zoccolo e si estrae con l’aiuto di un cacciavite a taglio.

Prima di procedere con qualsiasi intervento, spegnete e staccate la lavatrice dalla corrente. A questo punto tirate la leva per sbloccare l’oblò manualmente, e una volta aperto togliete le viti che lo fissano alla cerniera, per smontarlo e poter sostituire la maniglia con una nuova e funzionante. Potreste aver bisogno di un cacciavite con punta torx, ma spesso è sufficiente anche uno più basico.

Se disgraziatamente invece la vostra lavatrice non è dotata di una leva per lo sblocco manuale, è necessario smontare il top della lavatrice e lavorare dall’interno. Con la lavatrice ovviamente spenta e scollegata dalla presa, togliete le viti che si trovano agli angoli posteriori dell’elettrodomestico e fate scorrere il top. Con un cacciavite nano a taglio, spingete il gancio della maniglia fino a sbloccarlo. Adesso potete procedere rimuovendo le viti.

In caso di particolare sfortuna, può succedere che anche il blocco porta risulti difettoso, e dunque non riusciate a sbloccare l’oblò nemmeno così. A questo punto resta solo una cosa da fare: romperlo. E oltre alla maniglia, sarà ovviamente necessario sostituire anche il blocco porta.

Sostituire la maniglia

È il momento di smontare l’oblò per estrarre la maniglia difettosa e sostituirla. Le modalità possono cambiare leggermente in base al modello della lavatrice, quindi dovete essere voi a intuire come fare.

Per alcuni modelli è disponibile l’oblò intero come pezzo di ricambio: questo semplifica sicuramente il lavoro ma comporta una spesa decisamente più elevata.

Copyright © 2019 officinegrandiriparazioni.it.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi