Ferro da stiro perde acqua: quali sono le cause e come si ripara

Cosa fare quando il ferro da stiro perde acqua? Almeno una volta nella vita è successo a tutti di incappare in questo tipo di problema e tutti, chi più chi meno, siamo andati nel pallone.

In effetti tale malfunzionamento si verifica con una certa frequenza in questo genere di prodotti, soprattutto quando, ahimè, il ferro è uno degli elettrodomestici più spesso utilizzati in casa.

La prima cosa da fare quando il dispositivo in questione inizia a perdere acqua è sicuramente staccare la spina. Diversamente tutto il liquido versato non soltanto potrebbe bagnare la nostra biancheria, ma addirittura macchiarla per via dello sporco accumulato all’interno del sistema e che adesso da questo fuoriesce.

Cosa fare dopo? Ve lo spieghiamo nel corso delle righe che seguono.

Cause

Il ferro da stiro può perdere acqua per svariati motivi. Certe volte, nei casi migliori, ciò accade perché utilizzato male, perché si pratica una scarsa manutenzione o semplicemente perché non si è dimostrata molta cura nel riporlo o nell’adoperarlo in genere. Altre volte però, e sono i casi più gravi, il danno è proprio strutturale.

La prima opzione prevede la possibilità di un intervento di ripristino semplice ed efficace, spesse volte attuabile anche da noi, l’altra richiede l’intervento di un tecnico o addirittura la sostituzione dell’elettrodomestico.

Ferro da stiro perde acqua dalla piastra

Si tratta sicuramente di uno dei guasti più diffusi in assoluto: il ferro da stiro inizia a perdere acqua dalla piastra, soprattutto dai piccoli fori attraverso i quali esce il vapore. Nei casi più banali il problema è dovuto al fatto che l’apparecchio non ha ancora raggiunto la giusta temperatura e che quindi lo si sta adoperando prima che sia effettivamente pronto all’uso. Al verificarsi di tale ipotesi non sarà necessario attuare alcun tipo di manutenzione: basterà semplicemente dar tempo al tempo.

Quando però il problema si manifesta anche dopo aver aspettato che la caldaia fosse pronta a lavorare allora qualcosa non va come dovrebbe. Nella maggior parte dei casi il guasto è dovuto all’accumulo di calcare all’interno del sistema. Ciò accade soprattutto quando in luogo dell’acqua distillata nel serbatoio si introduce della semplice acqua di rubinetto. Non è raro che in questi casi oltre al liquido dalla piastra esca anche qualche granello di calcare. Per quanto fastidioso possa essere il problema è comunque possibile intervenire in casa semplicemente disincrostando tanto la piastra quanto la caldaia.

Eliminare il calcare

Per ottenere questo risultato si procederà preparando una soluzione composta da acqua distillata ed aceto bianco. I due prodotti, utilizzati in parti uguali, verranno versati all’interno della caldaia, quindi, si continuerà azionando il ferro da stiro alla sua massima potenza e lasciandolo sgasare sin tanto che buona parte del liquido qui presente non venga eliminato. L’operazione, almeno nei prodotti di fascia più alta, viene spesso facilitata dalla presenza di funzioni e tasti appositi che velocizzano, e non di poco, il processo.

Successivamente si procederà a svuotare del tutto la caldaia (semplicemente capovolgendola e scuotendola). Nel corso dell’intervento potrebbero venir fuori anche dei piccoli accumuli di calcare. L’operazione appena descritta andrà ripetuta se necessario più volte. Ad ogni nuovo trattamento verrà però aumentata la percentuale di acqua presente e, di contro, diminuita la quantità di aceto utilizzata. Quando il problema apparirà risolto, l’iter appena descritto verrà eseguito un’ultima volta utilizzando però soltanto acqua distillata.

Cosa fare se l’acqua è marrone?

Capita a volte che il guasto dipenda da qualcosa di più grave che interessa magari proprio la meccanica interna del ferro da stiro. In alcuni casi, quando ciò accade, l’acqua che fuoriesce dal sistema ha un caratteristico colore marrone e può macchiare gli indumenti. Essa assume questa colorazione perché carica di quella sporcizia che inevitabilmente si accumula all’interno del ferro da stiro quando non viene praticata alcuna forma di manutenzione. In quel liquido insomma c’è della polvere, del calcare e chissà, forse anche qualche parte del sistema parzialmente sgretolata o arrugginita.

Prima di correre a comprare un nuovo ferro da stiro però esaminiamo nel dettaglio il problema: a volte per questo tipo di intoppo può esserci una soluzione domestica. Quando quest’acqua arrugginita viene fuori dalla piastra bisognerà innanzitutto verificare che il ferro abbia raggiunto la giusta temperatura e che il termostato sia regolato correttamente. Se una delle due condizioni non è verificata possiamo rimediare facilmente e senza l’aiuto di un tecnico. Basterà aspettare qualche minuto o semplicemente posizionare correttamente il termostato. Attenzione anche al tappo del serbatoio: non è raro che venga chiuso male, cosa che spesso causa una perdita di liquido.

Quando però il problema persiste è probabile che il ferro da stiro sia seriamente danneggiato. Potrebbe esserci qualche tubicino rotto, potrebbe essersi usurato il serbatoio (in questo caso dovremmo cavarcela con l’applicazione di un po’ di materiale isolante), potrebbe essersi allentata o spaccata la guarnizione del tappo della caldaia o potrebbe essere necessaria una saldatura interna. Per essere certi che il problema risieda in una componente anziché in un’altra sarà necessario smontare l’apparecchio, cosa che si consiglia vivamente di lasciar fare ad un addetto ai lavori.

Altre cause di malfunzionamento del ferro da stiro

A volte il ferro da stiro perde acqua per motivazioni apparentemente insolite ed, almeno agli occhi di un profano, aventi uno scarso legame con il problema. Capita ad esempio che ciò accada quando ad essere danneggiato è più che altro il cavo di alimentazione. Questo, ostacolando il flusso di corrente, impedisce al sistema di riscaldarsi a dovere dando avvio alla formazione di una fastidiosa condensa localizzata sulla piastra.

Nel caso in cui il termostato sia difettoso il problema sarà pressoché identico. Il ferro non si riscalderà a sufficienza ed il sistema produrrà nuovamente della condensa. In questa eventualità tra l’altro, anche impostando al massimo il termostato, l’acqua non riuscirà a trasformarsi in vapore.

A non funzionare correttamente potrebbe anche essere la resistenza, magari perché ostruita o incrostata oppure ancora addirittura crepata. Nei casi più semplici basterà provvedere alla pulizia interna del ferro, così come descritto nei paragrafi precedenti, diversamente sarà necessario chiedere l’aiuto di un tecnico.

Un altro elemento che potrebbe in qualche modo causare la perdita di liquidi dal ferro è l’elettrovalvola. Se questa dovesse rompersi o danneggiarsi sarà sicuramente necessario contattare l’assistenza.

Consigli

Com’è facile intuire, la gran parte dei problemi riscontrati nel funzionamento del ferro da stiro può dipendere dall’accumulo di calcare. Per questo motivo è fondamentale attuare periodicamente dei cicli di pulizia interna. Ciò dovrà avvenire anche se fortunatamente il nostro apparecchio funziona ancora alla perfezione.

Inoltre, cosa che in molti tendono a sottovalutare, è bene riporre l’elettrodomestico in un ambiente a lui adatto ossia privo di umidità e al sicuro da urti e cadute.

Copyright © 2019 officinegrandiriparazioni.it.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi