Come riparare un tagliaerba che non si accende

Chi possiede un giardino o un prato attorno a casa sa quanto sia importante una cura costante, specie nella bella stagione, per mantenerlo ordinato e accogliente. Possedere un tagliaerba è fondamentale per avere un aiuto prezioso e svolgere tutti i lavori di giardinaggio in minor tempo e fatica.

Dopo l’inverno si può già cominciare a estirpare erbacce cresciute e foglie cadute qua e là ed è necessario rimettere in funzione il tagliaerba. Potrebbe capitare però che il rasaerba faccia i capricci, specie se è passato molto tempo dal suo ultimo utilizzo.

Nessun problema grave, in genere basta un’attenta revisione per risolvere quei piccoli intoppi che ne preludono il funzionamento. Eseguire comunque una regolare manutenzione sul tagliaerba ogni volta che si adopera, permette di conservarlo al meglio e al massimo della sua efficienza senza andare incontro a disagi.

Il problema non si pone se si dispone di un rasaerba elettrico perhè è sufficiente soffiare con il compressore sul motore per rimuovere eventuali residui di foglie e sporcizia. Per il tagliaerba con motore a scoppio le cause che ne impediscono la messa in moto possono essere diverse.

Ecco quali sono gli accorgimenti da adottare e le parti da controllare per favorire il suo normale funzionamento.

Manutenzione

Bisogna cominciare la revisione del tagliaerba partendo dal controllo più ovvio ma mai banale, la presenza di carburante. Potrebbe sembrare un dettaglio insignificante ma se il rasaerba non viene adoperato da molto tempo ed il serbatoio è pressochè vuoto il mezzo non parte.

Carburatore

Se è presente poco carburante si possono essere formati dei depositi sul fondo che hanno intasato il filtro ma anche i getti del carburatore. E’ d’obbligo un’accurata pulizia e l’aggiunta di nuovo carburante, agitando se serve anche il serbatoio.

Filtro dell’aria

Il tagliaerba che non va in moto potrebbe avere il motore ingolfato. Bisogna provvedere al controllo del filtro dell’aria, estraendolo per pulirlo da eventuale sporcizia. Si spruzza con il compressore e poi si verifica che il cavo dell’acceleratore arrivi in fondo senza problemi. Se invece è molto vecchio e usurato si deve sostituirlo.

Candela

Il passaggio successivo, se ancora il tagliaerba non dà segni di vita è passare al controllo della candela. Va pulita bene e asciugata anche dalla presenza possibile di carburante prima di inserirla nuovamente e vedere se fa il contatto necessario. Si procede poi all’accensione per due o tre volte e se la candela non è troppo vecchia il motore dovrebbe partire.

Olio

Infine una volta terminati i controlli di filtro dell’aria e candela bisogna appurare lo stato dell’olio estraendo l’apposito misuratore. Se l’asticella segnala che è troppo basso come livello si deve provvedere ad aggiungere altro olio mentre se il colore di quello presente è troppo scuro va cambiato. Si gira il rasaerba e lo si svuota del tutto, per poi mettere il nuovo e mischiarlo con l’olio vecchio tolto precedentemente he si può tranquillamente riutilizzare.

Trazione: si accende ma non parte

Il tagliaerba nuovo, o comunque con pochi anni e poche ore di lavoro dovrebbe tornare ad accendersi seguendo i passi appena elencati. Se invece il vostro rasaerba è un modello più vecchio, va in moto ma poi non si muove, il problema potrebbe essere dato dalla trazione.

In questo caso la situazione potrebbe essere più complicata del previsto. Subito bisogna guardare il cavo e la sua molla per accertarsi che consenta alla trazione di sganciare. Se si è depositato del materiale residuo nel cavo o la molla che fa tornare indietro la leva non va è sufficiente pulire o cambiare la molla.

Potrebbe anche succedere di dover sostituire la cinghia o tutta la parte della trazione. In questo caso, se si hanno competenze in materia, si può procedere da soli e sostituire i pezzi logori. Meglio ricorrere alla professionalità di un centro specializzato in riparazioni se la cosa non rientra nelle vostre corde o addirittura valutare l’acquisto di un nuovo rasaerba.

Tagliaerba che non taglia

L’affilatura della lama è di particolare importanza affinchè il tagliaerba sia in grado di effettuare un taglio netto e perfetto. Si procede svitando il bullone che tiene ferma la lama attraverso una chiave apposita, girando in senso antiorario.

Prima dell’affilatura bisogna pulire la lama dai residui di sfalcio e poi adoperare una smerigliatrice con disco abrasivo ricordando di proteggersi con occhiali protettivi e guanti. Il risultato, una volta rimontata la lama, è sicuramente molto produttivo.

Conclusioni

Una cura ostante e successiva ad ogni utilizzo del tagliaerba serve per mantenerlo in ottima salute e garantisce a tutte le sue parti di funzionare al meglio. Se il rasaerba però, nonostante un’accurata manutenzione si accende per breve tempo ma non si muove il problema potrebbe essere al canale del carburante.

Il consiglio è quello di separare la parte che va al carburatore e soffiarci dentro in modo da pulire in parte il tubo della benzina. Se nonostante tutto non riuscite a capire quali siano le cause del malfunzionamento del tagliaerba ricorrete all’esperienza di un tecnico professionista.

Copyright © 2019 officinegrandiriparazioni.it.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi